SULLA RELAZIONE TRA ARTE E SCIENZA: ALCUNE CONSIDERAZIONI GENERALI / Jacopo Natoli

Le “produzioni” di arte e scienza, seppur mossi da un comune moto verso la conoscenza, non coincidono. Scrive Karl Popper (1934, p.7): «Uno scienziato, teorico o sperimentatore, produce asserzioni o sistemi di asserzioni, e li controlla passo per passo. Nel campo delle scienze empiriche, più in particolare, costruisce ipotesi, o sistemi di teorie e li controlla, confrontandoli con l’esperienza mediante l’osservazione e l’esperimento». Continue reading

Alberto Oliverio – Cervello (intervista di Giulia Torromino)

Alberto Oliverio

Alberto Oliverio

 

(estratto da nodes, anno II, n. 1,  2013)

“Grazie ai progressi delle neuroscienze, il cervello è oggi un oggetto sempre meno misterioso () esiste oggi un sapere che non si basa soltanto su speculazioni teoriche ma anche, e soprattutto, su acquisizioni empiriche”. () L’analisi, scrisse Freud, si basa su «un procedimento di svuotamento strato per strato, che ci piace paragonare alla tecnica del dissotterrare una città sepolta». Questo processo di «svuotamento» riguarda anche le neuroscienze che, in poco meno di mezzo secolo, hanno compiuto progressi impressionanti, sia dal punto di vista tecnico, sia dal punto di vista concettuale.”

(Alberto Oliverio, 2012)

Continue reading