Bellezza nel cervello: per una neuroscienza dell’arte / J. P. Changeux

La creazione di un artista non procede mai a caso. Potrebbe sembrare che artisti come Pierre Soulages o Jackson Pollock abbiano usato la casualità, ma la loro produzione non è casuale. Gli artisti creano seguendo alcune regole, che limitano il numero delle loro produzioni cerebrali. […] Matisse non ha composto il suo nudo sdraiato da un giorno all’altro. Ci sono stati molti tentativi e molti errori, come nell’evoluzione darwiniana, e si potrebbe inorridire nel guardare alle sue prime prove. Un capolavoro dell’arte non nasce dalla coscia di Zeus, ma come nel caso della Cappella Sistina il suo completamento richiede anni di riflessioni, tentativi, errori. Un importante sviluppo della ricerca attuale sul cervello è il tentativo di comprendere i meccanismi neurali che consentono l’apprezzamento dell’armoniosa composizione delle parti nel tutto, sia nella musica che nella pittura.

Articolo completo su nodes 5/6

Particolare dell'illustrazione di Danilo Innocenti (nodes 5/6)

Jean Pierre Changeux. Particolare del disegno di Danilo Innocenti (nodes 5/6)

Posted in rivista and tagged , , , , , , , , , , .